Omicidio di Giordana Di Stefano

Omicidio di Giordana Di Stefano

Omicidio di Giordana Di StefanoL’omicidio di Giordana Di Stefano è stato un fatto di cronaca nera avvenuto la mattina del 7 ottobre 2015 a Nicolosi. Giordana Di Stefano, ballerina e mamma ventenne, fu ritrovata priva di vita nella propria Audi A2.
L’autore del femminicidio fu Luca Priolo, ex fidanzato della giovane. I due si erano incontrati per discutere e accordarsi sulle sorti di un processo per atti persecutori (stalking) avviato nei confronti del ragazzo su espressa denuncia di Giordana. Proprio in quei giorni si sarebbe dovuta tenere la prima udienza, ma l’incontro degenerò e il ragazzo infierì su Giordana Di Stefano con un coltello che aveva portato con sé.

La vicenda

La vicenda culminata nell’omicidio di Giordana Di Stefano, vede come protagonisti due ragazzi: Giordana Di Stefano e Luca Priolo. Questi si fidanzarono molto giovani ed ebbero una figlia (Asia). La loro relazione naufragò e prese la piega di una battaglia giudiziaria, in quanto la ragazza si sentiva minacciata e aveva denunciato l’ex compagno per atti persecutori (ossia per il c.d. reato di stalking). Il ragazzo non si era rassegnato alla fine della storia e, proprio nel giorno in cui prendeva il via il dibattimento, aveva ottenuto l’incontro con Giordana in una strada periferica di Nicolosi. Il ragazzo aveva un coltello, che affermò di aver portato con sé per difendersi, ma che in realtà utilizzò per infliggere numerose coltellate alla ex fidanzata che morì nell’auto – dove fu poi ritrovata. Il giovane fuggì, ma venne catturato dai Carabinieri all’aeroporto di Milano. Fu rintracciato grazie a un s.m.s. inviato al padre – con il quale dichiarava, con un eufemismo, di aver compiuto una sciocchezza e chiedeva soldi e aiuto. La cattura avvenne in modo discreto, in quanto non provò a reagire e, anzi, confessò subito ai militari la propria responsabilità.
Sabato 10 ottobre si tennero i funerali della giovane presso la Chiesa Madre di Nicolosi. In quel giorno fu proclamato il lutto cittadino e il paese si raccolse attorno alla ragazza e ai suoi familiari. La tensione portò a delle critiche nei confronti del parroco, in quanto la sua omelia – nella quale tentava di smorzare i toni – venne interpretata come un segno di buonismo e leggerezza – in quanto la platea chiedeva giustizia e la chiesa parlava di perdono. La polemica si è sedata da sola, lasciando il posto ai risvolti della vicenda: il successivo 13 ottobre la madre di Luca Priolo inviò una lettera a quella di Giordana. A tale gesto seguì il silenzio.
Il 17 novembre 2015 i legali del giovane avanzarono istanza per l’affidamento a una comunità di recupero, adducendo come motivo la fragilità del ragazzo e il rischio di suicidio. La procura di Catania, per tramite del PM Alessandro Sorrentino diede parere negativo.

Omicidio di Giordana Di Stefano: lettera della mamma di Luca

Iniziative di sensibilizzazione in seguito all’evento

Insieme per Giordana

In occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne del 25 novembre 2015, il Comune di Nicolosi di concerto con diversi enti e associazioni del territorio organizzò un cartellone di manifestazioni rivolte alla sensibilizzazione della gente sul problema della violenza. L’evento cardine del progetto la cerimonia dal titolo “Insieme per Giordana“, durante la quale venne intitolato il teatro comunale alla sua memoria.

Petizione su “Change.org”

Il popolo del web nicolosita (e non solo) fece sentire la sua voce e lanciò una petizione sul sito www.change.org dal titolo “Giusta pena per l’assassinio di Giordana e di tutte le donne vittime di femminicidio“, con la quale si intese raccogliere firme per dire basta al femminicidio. L’iniziativa venne ripresa dalla stampa e ottenne un articolo sull’Huffington Post.

Un posto occupato

In molti esercizi commerciali e anche in luoghi privati (come bacheche di condomini e simili), venne esposta una stampa del progetto Posto Occupato (www.postoccupato.org) – recante il nome di Giordana – con la quale le fu simbolicamente occupato un posto.

 

Un posto per Giordana presso CambiaMenti Parrucchieri

Posted by CambiaMenti Parrucchieri on Giovedì 29 ottobre 2015

 

Collegamenti Esterni


-- Scarica Omicidio di Giordana Di Stefano in PDF --


Lascia un commento

*